Santa Maria del Giglio o Zobenigo

A cura di Silvia Brunori
Scritto il 24 gennaio 2014 | Argomenti: Chiese e Monasteri | 0 Recensioni

Santa Maria del Giglio o ZobenigoLa costruzione dell’esuberante facciata barocca venne finan­ziata dalla ricca famiglia Barbaro che celebrava i propri successi navali e diplomatici nella chiesa.
All’interno c’è una piccola collezione di oggetti liturgici e dipinti, tra i quali Madonna col Bambino di Rubens.
Per vedere i Quattro Evangelisti del Tintoretto (del 1552) sono necessarie delle monetine per l’illuminazione.

Recensioni

Nessuna recensione

Rispondi

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Tutte le località


Warning: include(/home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/inc/cache/accordion-localita.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/wp-content/themes/italiadiscovery/templates/outer_sidebar.php on line 37

Warning: include(): Failed opening '/home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/inc/cache/accordion-localita.php' for inclusion (include_path='.:/opt/cpanel/ea-php56/root/usr/share/pear') in /home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/wp-content/themes/italiadiscovery/templates/outer_sidebar.php on line 37