Penisola del Gargano

A cura di Silvia Brunori
Scritto il 22 aprile 2014 | Argomenti: Geografia | 0 Recensioni

Il Gargano e un alto sperone di roccia che si getta nel mar Adriatico, caratterizzato da una natura selvaggia e da coste intercalate da insenature e scogliere. Costa della penisola del Gargano
I centri di Rodi Garganico, Peschici, Vieste e Manfredonia sono celebri località di villeggiatura. Ad est si trova la Foresta umbra, con i suoi boschi di faggio, quercia, tasso e pino, mentre a nord si trovano i laghi di Lesina e
Varano, oasi per gli uccelli dacqua. Un’antica via di pellegrinaggio attraversa il Gargano, da San Severo al santuario di Monte Sant’Angelo. La prima sosta è San Marco In Lamis, che deve il suo nome ad un convento del XVI sec, mentre più avanti s’incontra San Giovanni Rotondo, punto di raccolta dei fedeli che seguivano padre Pio (1887 – 1968), qui sepolto.
Infine si giunge a monte Sant’Angelo, con la grotta in cui, nel 490, l’arcangelo Michele sarebbe apparso all’arcivescovo di Siponto. A sud di Manfredonia, si trova la chiesa di Santa Maria di Siponto (XII secolo), in stile orientaleggiante.

Penisola del Gargano

A cura di Silvia Brunori
Scritto il 22 aprile 2014 | Argomenti: Geografia | 0 Recensioni

Il Gargano e un alto sperone di roccia che si getta nel mar Adriatico, caratterizzato da una natura selvaggia e da coste intercalate da insenature e scogliere. Costa della penisola del Gargano
I centri di Rodi Garganico, Peschici, Vieste e Manfredonia sono celebri località di villeggiatura. Ad est si trova la Foresta umbra, con i suoi boschi di faggio, quercia, tasso e pino, mentre a nord si trovano i laghi di Lesina e
Varano, oasi per gli uccelli dacqua. Un’antica via di pellegrinaggio attraversa il Gargano, da San Severo al santuario di Monte Sant’Angelo. La prima sosta è San Marco In Lamis, che deve il suo nome ad un convento del XVI sec, mentre più avanti s’incontra San Giovanni Rotondo, punto di raccolta dei fedeli che seguivano padre Pio (1887 – 1968), qui sepolto.
Infine si giunge a monte Sant’Angelo, con la grotta in cui, nel 490, l’arcangelo Michele sarebbe apparso all’arcivescovo di Siponto. A sud di Manfredonia, si trova la chiesa di Santa Maria di Siponto (XII secolo), in stile orientaleggiante.

Recensioni

Nessuna recensione

Rispondi

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Tutte le località


Warning: include(/home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/inc/cache/accordion-localita.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/wp-content/themes/italiadiscovery/templates/outer_sidebar.php on line 37

Warning: include(): Failed opening '/home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/inc/cache/accordion-localita.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php') in /home/angelottir2013/public_html/italiadiscovery.it/wp-content/themes/italiadiscovery/templates/outer_sidebar.php on line 37