Tra le curiosità regionali…



A cura di Amalia Vitiello


Castel del Monte. Castello ottagonale situato nel territorio di Andria e voluto dell'imperatore Federico II di Svevia, è una delle otto immagini che illustrano le euromonete italiane. L’immagine è nelle monete di due ed un centesimo di euro.  Top

Canne. E’ il cuore di una zona archeologica di grandissimo interesse per le testimonianze della città, celebre per la battaglia (216 a.C.), in cui i cartaginesi, guidati da Annibale, sconfissero i Romani, diventando così padroni dell'Italia meridionale.
Oltre 25 mila furono i morti e 10 mila i romani fatti prigionieri. In questo eccezionale sito archeologico vi sono anche testimonianze dell'età neolitica, del rame e del bronzo, della civiltà apula, dell'epoca romana e di quella medievale.  Top

Il mare. Gli ottocento chilometri di costa regalano una sorta di antologia acquatica.
Spiagge e basse scogliere da Manfredonia a Otranto.
Scogliere alte a strapiombo da Otranto a Leuca, come in tutto il Gargano, e ancora una lunga spiaggia ionica da Leuca fino a Metaponto.
In questo tour, ad Otranto, dove finisce l’Adriatico e comincia lo Ionio, il mosaico della Cattedrale racconta come la città fu punto di incontro e non di rado di scontro tra Oriente e Occidente. Un immenso tappeto di pietra raffigura l’Albero della Vita, fitto di simboli, miti, leggende: dalla Torre di Babele ad Artù. Il mosaico testimonia che, già nel Duecento, nella Puglia del Sud, tappa obbligata per la Terra Santa, circolavano saghe nordiche e fiabe arabe e disinvoltamente tutto ciò veniva accostato alla Bibbia e ai Vangeli.  Top 

La gastronomia. Primeggiano i prodotti della Daunia, i monti che con le vallate si aprono verso il Tavoliere pugliese e che, disseminati di grossi villaggi raccolti sulle alture, fanno parte di una Italia interna e appenninica.
Tutta la provincia di Foggia - il Gargano in particolare – è considerata il paradiso dei cacciatori. Vi sono numerose riserve con lepri, cinghiali, quaglie e fagiani. La gastronomia garganica, come quella dauna, si basa sulla caccia, sulla pesca e sull'agricoltura. Famose sono le aragoste delle Tremiti, così come ottimi sono i prosciutti e i latticini di Faeto. Il coniglio ai capperi è servito lungo tutta la costa garganica e i prodotti agricoli formano pietanze tradizionali e gustosissime: tra queste i lampasciuni, cipolline dall'inconfondibile sapore amarognolo.
Sul Gargano allignano i cardoncelli, piccoli funghi saporitissimi, e i paparuli dall'odor di pepe.
I dolci caratteristici sono le zeppole, il paridrion, le scaldatielle i taralli e tutte le altre specialità pugliesi a base di mandorle. I vini più famosi sono quelli di San Severo, ma tutte le colline forniscono uve pregiate. 

Top

Articolo a cura di:
Amalia Vitiello
Argomenti:

Curiosità

Amalia Vitiello

In evidenza

Array[titolo]

GROTTE DI CASTELLANA: UNA MERAVIGLIA DELLA NATURA!

[Vivere millenni di magia attraverso una camminata nel fantastico mondo sotterraneo di Castellana Grotte… Informazioni: Grotte di Castellana s.r.l....]
Array[titolo]

La Quercia dei Cento Cavalieri

[Esemplare plurisecolare di quercia Vallonea risalente al XII-XIV secolo, divenuta l’emblema di Tricase A cura di Amalia Vitiello...]