Castel Rodengo

Tel. 0472/454056 – 800010545

A cura di Silvia Brunori

Castello RodengoGli affreschi che narrano la leggenda di lwein, fanno il pregio dell’architettura fortificata che troneg­gia nel cittadina trentina di Rodengo. 
I  suoi affreschi, 11 scene del "Ciclo di Iwein" (dell'inizio del XIII sec.), si riferiscono ai cavalieri di Hartmann von Aue, l'eroe riconducibile alla figura sotirco leggendaria di Owain mab Urien, nel loro genere sonon tra i più antichi d'Europa, .
Il castello fu eretto da Friedrich von Rodank nel 1140, sopra ad uno sperone roccioso, e ne rimase in suo possesso fino al 1300.
Il castello è rimasto nel corso della storia imprendibile.
Il castello fu ampliato dalla famiglia del noto trovatore Otto von Wolkenstein nel 1530, affermandosi come uno dei più imponenti dei castelli dell'Alto Adige. Al giorno d'oggi all'interno del castello si trova un museo, visitabile dal 15 marzo fino al 15 ottobre (escluso il lunedi), inoltre spesso viene utilizzato per cerimonie come matrimoni.

Orario di apertura: Il castello è visitabile anche al­l’interno dall’1° maggio a fine ot­tobre alle 11.00 e alle 15.00. Resta chiuso il lunedì.

Ingresso: gratuito per i bambini al di sotto dei 6 anni.

Articolo a cura di:
Argomenti:

Castelli e manieri

Silvia Brunori

In evidenza

Array[titolo]

Ötzi: la mummia del Similaun

[L’uomo venuto dal ghiaccio A cura di Amalia Vitiello...]
Array[titolo]

Dosso Dossi, rinascimenti eccentrici al Castello del Buonconsiglio

[A Trento un'eccezionale mostra per conoscere uno dei pittori più importanti e originali del Rinascimento...]
Array[titolo]

Ötzi: la mummia del Similaun

[L’uomo venuto dal ghiaccio A cura di Amalia Vitiello...]