Ristorante Il Teatro di Mangiafuoco Ristoranti a Roma

A volte il richiamo del proprio passato segna il destino di tutti noi.

Non è un caso che tra gli illustri antenati di Massimo Beltrotti e Roberto Cruciani (i due patron del Progetto Mangiafuoco) ci fossero abili commercianti, ma soprattutto popolari rappresentanti di quella romanità che negli ultimi anni ha conquistato il mondo.

Nel 2006, Massimo e Roberto, dopo anni trascorsi a progettare e ricostruire case ed appartamenti, decidono di assecondare i loro antichi richiami.
L’occasione giusta è quella di rilevare un nuovo ristorante a due passi dagli ex-Mercati Generali e dall’ex-Mattatoio (ancora il richiamo della Roma che fu). Mangiafuoco, per l’appunto.

Ben presto il locale comincia ad avere una sua identità, basata soprattutto su un’offerta qualitativa di eccellenza ed un menù tradizionale e creativo.

Il successo arriva in poco tempo e oggi, nel 2008, nasce, Il Teatro di Mangiafuoco, per continuare a proporre ai suoi affezionati “spettatori” un “programma” gastronomico di prim’ordine ogni giorno.
Ora il Progetto Mangiafuoco può iniziare!

Il progetto Mangiafuoco vuole utilizzare le sue potenzialità anche per promuovere la grande tradizione enogastronomia italiana.
E allora ecco i suoi chef pronti a proporre corsi di cucina adatti alle più svariate esigenze, realizzati all’interno dei ristoranti, nel cuore delle cucine che di sera producono centinaia di pietanze.

La professionalità messa al servizio del sociale:
il progetto Mangiafuoco, si allarga, anche mediante l’aiuto degli enti locali alla formazione di personale per la ristorazione, italiano e non, aperto anche alle categorie svantaggiate, con la creazione di corsi di aiuto cuoco, comis di cucina, etc.

Anche solo per chi vuole avvicinarsi alla cucina da neofita, il progetto Mangiafuoco ha ideato per loro una serie di corsi di cucina, tenuti dai nostri chef, per insegnare i rudimenti delle preparazioni base e stupire i propri amici, preparando a casa propria cene indimenticabili.

E a proposito di tradizione, i locali del Teatro di Mangiafuoco sono quelli del “mitico” Panzanera, dove tra gli anni ’60 e ’70, venne ricreato su Viale Trastevere l’ambiente della tipica “frascata” (poi divenuta fraschetta), rifugi di fortuna costruiti nei boschi dei Castelli Romani, assurta a simbolo del vino nuovo, grazie all’esposizione di una frasca ad indicare l’ultimazione della vendemmia e l’uscita del vino giovane.
Senza dimenticare che, sempre a Roma, i “panzanera” erano i friggitori, perché la loro canottiera non era sufficiente a coprire la grossa mole e la pancia si anneriva con la fuliggine e col fuoco del forno a legna.

Vino e frittura: un’accoppiata che da Mangiafuoco è sempre motivo di vanto!

Servizi della struttura

TITOLARE:

Roberto Cruciani e Massimo Beltrotti

IN CUCINA:

Alessandro Zitelli
60
Posti interni
50
Posti esterni

VINI

100 etichette Nazionali e Internazionali

Carte di Credito:

dinersvisamcbancomatamexcartasijcbpostepay

Lingue parlate:

IngleseFranceseSpagnolo

Contatti

Inviate una review per questa struttura:

  • Pulizia
  • Servizio
  • Qual/prezzo
  • Cucina
  • Posizione

lteonw 2015-09-11 08:01:24 star

p374e2 chydzynlioeq, [url=http://tmhirwqpwbon.com/]tmhirwqpwbon[/url], [link=http://pvcrrcbvbafg.com/]pvcrrcbvbafg[/link], http://ekjhxnvtbqud.com/

pwevaf 2015-12-24 17:54:17 star

mz2Qf5 blchxxmhrmfb, [url=http://sbekvlqhzvfw.com/]sbekvlqhzvfw[/url], [link=http://vgwtxwhhvymg.com/]vgwtxwhhvymg[/link], http://txlquajrpxam.com/