Castello di Grumello del Monte

A cura di Francesco Dal Pino
Scritto il 22 aprile 2014 | Argomenti: Storia | 0 Recensioni

Storia: Il più antico documento che fa cenno del castello risale al 1222 anche se pare che la costruzione originaria risalga attorno al mille. L’edificio originariamente apparteneva alla comunità di Grumello del Monte che, essendo in grosse difficoltà economiche, fu costretta a cedere il possedimento al cardinale Guglielmo Longo, intorno al 1307. Nel 1380 il castello venne attaccato dai ghibellini che, dopo averlo sconfitto, incendiarono il paese e distrussero parzialmente la fortezza. Seguirono molte sanguinose battaglie tra guelfi e ghibellini che gettarono nel lutto e nel dolore l’intero paese. Nel 1442, dopo che il controllo del territorio passò alla Repubblica di Venezia, il castello divenne uno dei tanti possedimenti di Bartolomeo Colleoni, ma nemmeno così raggiunse la tranquillità: numerosi atti di violenza coinvolsero ancora la fortezza costringendo persino il cardinale Carlo Borromeo a far visita alla parrocchia di Grumello per richiamare la popolazione. Alla morte del Colleoni il castello divenne possedimento dei conti Suardi; nel 1953 la proprietà passòall’azienda agricola "Tenuta Castello di Grumello del Monte" che tutt’oggi ne cura i vigneti con i quali si produce, nelle cantine sottostanti il castello stesso, il pregiato vino "Valcalepio".

Struttura Esterna: I rifacimenti portati al fabbricato nel corso dei secoli ne hanno cambiato le caratteristiche principali togliendogli il cupo aspetto esteriore e modificando la semplicità delle sue linee che gli davano le sembianze di austera dimora signorile. L’ingresso si apre in un tratto della cinta che, congiungendosi alla torre, delimita la piccola corte interna aggiunta dopo gli adattamenti rinascimentali. L’accesso alla torre avviene attraverso un portale ad arco a sesto ribassato aperto nel fabbricato addossato alla parete occidentale della torre stessa. La torre risulta massiccia e potente, edificata per resistere ad ogni forma di attacco e per assicurare un valido rifugio ai difensori. La tessitura muraria è caratterizzata da grossi conci accuratamente squadrati e grossolanamente bugnati in corrispondenza dei cantonali che terminano con uno spigolo particolarmente lavorato. Sul lato nord vi è solo la sporgente canna fumaria che interrompe la continuità della parete; sul lato est si aprono tre finestrelle, due ad arco a sesto ribassato e rettangolare protette da robuste inferiate, la monofora posta più in alto, ad arco antico. Sul lato rivolto a sud vi è una monofora identica a quella del lato appena descritto. Sul quarto lato è presente una feritoia usata dagli addetti alla manovra e alla difesa della saracinesca. Addossato a questo locale vi è un edificio che appare sincrono con il resto della fortezza. Sulla parte occidentale di esso furono ricavate grandi aperture utilizzate come scuderia. Il mastio era quindi un locale angusto e umido in cui la vita quotidiana era caratterizzata da un assoluta promiscuità per la continua presenza di soldati e servi. Il "signore" era poi costretto a mangiare e dormire con i suoi, soffocato dalle troppe persone ammassate in cosi poco spazio. Attorno al mastio vennero allora costruiti alcuni locali destinati esclusivamente al castellano e ai sui famigliari, che avevano il dovere di difendere l’intero castello.

Struttura Interna: Superata la soglia del castello si entra in uno spazioso androne che immette al primo piano di quello che fu l’antico mastio. Nella costruzione militare vi erano delle caditoie usate per dar modo ai difensori di colpire chi si accingesse ad abbattere o a scardinare la saracinesca. Il primo piano della torre, interamente occupato da una volta a crociera, è identificabile probabilmente nella sede del corpo di guardia sulla cui parete nord vi è un caminetto in cotto, riportato alla luce durante i lavori di restauro. Il punto più alto è rappresentato dal culmine del torrione che era utilizzato come posto di vedetta e di avvistamento. Sul pavimento del primo piano si nota una piccola apertura rettangolare, protetta da una grata metallica, che guarda nel locale sottostante, usato oggi come dispensa. Il locale sotterraneo, che costituisce la base della torre, in passato era usato come prigione.

 Curiosità: In paese si narra di un fatto avvenuto nel gennaio del 1706: orde di Gallospani scendevano dal nord, mettendo a ferro e fuoco quanto incontravano al loro passaggio. Dopo avere incendiato Gandosso, si apprestavano a fare altrettanto con Grumello quando, giunte nei pressi della frazione Boldesico, le soldataglie sarebbero state poste in fuga dalla visione della Vergine Assunta che andava loro incontro seguita da una folta schiera di scheletri. L’avvenimento fu ricordato in una tela che ancora si conserva nella chiesa di Boldesico.  
 

Come arrivarci: Il comune di Grumello del Monte si trova a circa 18 Km Est rispetto a Bergamo.
Da quest’ultima città può essere raggiunto seguendo la Strada Statale n°. 42 del Tonale fino ad Albano S. Alessandro per poi deviare in direzione Sarnico incontrando Grumello dopo circa 9 Km.
E’ altrimenti possibile utilizzare l’autostrada Milano-Venezia (direzione Venezia) uscendo al casello di Grumello.
In alternativa questo comune può essere raggiunto col treno seguendo la linea Bergamo – Brescia fino alla stazione di Grumello.
Il castello di Grumello del Monte, posto sul colle che domina il paese, dista solo 3 Km da quello di Chiuduno (anch’esso raggiungibile col treno): è consigliabile pertanto ipotizzare in un unico viaggio la visita alle due fortezze.

Recensioni

Nessuna recensione

Rispondi

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Tutte le località

Abruzzo»

Basilicata»

Calabria»

Campania»

Emilia Romagna»

Prov. di BO»

Prov. di FC»

Prov. di FE»

Prov. di MO»

Prov. di PC»

Prov. di PR»

Prov. di RA»

Prov. di RN»

Friuli Venezia Giulia»

Lazio»

Liguria»

Lombardia»

Prov. di BG»

Prov. di BS»

Prov. di CO»

Prov. di CR»

Prov. di LC»

Prov. di LO»

Prov. di MI»

Prov. di MN»

Prov. di PV»

  1. Albuzzano»
  2. Arena Po»
  3. Badia Pavese»
  4. Barbianello»
  5. Battuda»
  6. Belgioioso»
  7. Bereguardo»
  8. Borgarello»
  9. Borgo Priolo»
  10. Borgoratto Mormorolo»
  11. Bosnasco»
  12. Brallo di Pregola»
  13. Bressana Bottarone»
  14. Broni»
  15. Calvignano»
  16. Canevino»
  17. Canneto Pavese»
  18. Carbonara al Ticino»
  19. Casei Gerola»
  20. Casteggio»
  21. Ceretto Lomellina»
  22. Certosa di Pavia»
  23. Cervesina»
  24. Chignolo Po»
  25. Cigognola»
  26. Corvino San Quirico»
  27. Cozzo»
  28. Dorno»
  29. Ferrera Erbognone»
  30. Fortunago»
  31. Gambolo'»
  32. Garlasco»
  33. Godiasco»
  34. Inverno e Monteleone»
  35. Linarolo»
  36. Menconico»
  37. Mezzana Bigli»
  38. Montalto Pavese»
  39. Montecalvo Versiggia»
  40. Montescano»
  41. Montu' Beccaria»
  42. Mornico Losana»
  43. Mortara»
  44. Pavia»
  45. Pietra de'Giorgi»
  46. Ponte Nizza»
  47. Portalbera»
  48. Rea»
  49. Rivanazzano»
  50. Robbio»
  51. Rocca Susella»
  52. Ruino»
  53. San Damiano al Colle»
  54. San Genesio ed Uniti»
  55. San Giorgio di Lomellina»
  56. San Martino Siccomario»
  57. Santa Cristina e Bissone»
  58. Santa Giulietta»
  59. Santa Maria della Versa»
  60. Sartirana Lomellina»
  61. Scaldasole»
  62. Sommo»
  63. Spessa»
  64. Stradella»
  65. Torre Beretti e Castellaro»
  66. Torre d'Isola»
  67. Travaco' Siccomario»
  68. Varzi»
  69. Vidigulfo»
  70. Vigevano»
  71. Voghera»
  72. Zeccone»
  73. Zerbolo'»
  74. Zinasco»

Prov. di SO»

Prov. di VA»

Marche»

Molise»

Piemonte»

Prov. di AL»

Prov. di AT»

Prov. di BI»

Prov. di CN»

Prov. di NO»

Prov. di TO»

Prov. di VB»

Prov. di VC»

Puglia»

Sardegna»

Sicilia»

Toscana»

Prov. di AR»

Prov. di FI»

Prov. di GR»

Prov. di LI»

Prov. di LU»

Prov. di MS»

Prov. di PI»

Prov. di PO»

Prov. di PT»

Prov. di SI»

Trentino Alto Adige»

Umbria»

Valle d'Aosta»

Veneto»

Prov. di BL»

Prov. di PD»

Prov. di RO»

Prov. di TV»

Prov. di VE»

Prov. di VI»

Prov. di VR»