Cibi e sapori nel mondo antico

A cura di Amalia Vitiello
Scritto il 24 gennaio 2014 | Argomenti: Cultura | 0 Recensioni

A seguito dello strepitoso successo di pubblico e critica, ottenuto dalla mostra “Cibi e sapori nel mondo antico”, la Soprintendenza Archeologica della Toscana ha deciso di prorogarla fino al prossimo 1° maggio 2006.
Dedicata all’alimentazione nel mondo antico, l’esposizione di straordinario interesse, unica per completezza di informazioni tra tutte quelle proposte sul tema, curata dalla stessa Soprintendenza Archeologica, è allestita presso il Museo Archeologico Nazionale di Firenze.  
Progetto ambizioso, la mostra introduce il visitatore in un vasto percorso cronologico, dall’Egitto faraonico alla Grecia, dal mondo etrusco aquello romano, un appuntamento imperdibile per conoscere ed ammirare opere di notevole pregio, appartenenti quasi unicamente alle Collezioni del museo fiorentino. Accanto agli usi alimentari degli antichi rispetto di cibi, condimenti, bevande, metodi utilizzati per la loro conservazione e cottura, l’esposizione illustra anche le modalità conviviali mediante rappresentazioni e citazioni sul banchetto ed il simposio, ed infine le tematiche legate alla produzione, al commercio e alla distribuzione degli alimenti più diffusi.
La mostra è suddivisa in tre grandi sezioni: la prima dedicata all’Egitto, con figurazioni, statuette e resti alimentari, la seconda riguarda il mondo greco; la seconda dedicata all’Etruria e Roma; infine la terza dedicata ai commerci ed alla distribuzione dei prodotti. L’Etruria costituisce la parte di maggiore rilevanza, cinerario di Montescudaiodove sono ritroviamo raffigurazioni di banchetto, di cui la più antica è risalente al VII sec. a.C., quella del cinerario di Montescudaio, lastre in terracotta da Murlo, l’urna del Bottarone, un’ampia selezione di urne ellenistiche volterrane e chiusine. Destano interesse: i materiali dal Circolo del Tritone di Vetulonia, il vasellame di bronzo dalla Tomba delle Olive di Cerveteri, i grandi contenitori per derrate alimentari ed i bracieri di impasto rosso di produzione ceretana, un servizio da banchetto da Orvieto, servizi da mensa di bucchero, di ceramica etrusco-corinzia ed infine di vernice nera.
Un approfondimento particolare è stato dato a due protagonisti importante della tavola di allora come di oggi: l’olio e il vino e viticoltura, intesi come produzione, tecnologia, costume, territorio, una componente fondamentale della nostra storia e della nostra civiltà. L’ultima sezione, dedicata ai commerci ed alla dis
tribuzione, ospita, accanto ad un’esemplificazione di anfore e contenitori da trasporto di varie epoche e produzioni, alcuni materiali provenienti dagli scavi delle navi di Pisa, compresa una serie di anfore che conservano residui di vino, di frutta, di olive.
Inoltre, si segnala l’importante presenza di Aboca Museum, che offre al pubblico la possibilità di avvicinarsi alla cultura delle piante medicinali, evidenziandone qualità alimentari, proprietà curative e di prevenzione.  Top 

ORARIO DI APERTURA
Lunedì dalle ore 14 alle 19.
Martedì e giovedì dalle ore 8.30 alle ore 19.
Mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 8.30 alle 14.
 
INGRESSO A PAGAMENTO

Intero euro 4.
Ridotto (18-24 anni) euro 2.
Gratuito fino a 18 anni e oltre i 65.
 
Con il patrocinio di
Regione Toscana
Provincia di Firenze
Comune di Firenze
Fondazione per la Tutela del Territorio del Chianti Classico
FAO
 
 
a cura di Amalia Vitiello 
 

Top

Recensioni

Nessuna recensione

Rispondi

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

Tutte le località

Abruzzo»

Basilicata»

Calabria»

Campania»

Emilia Romagna»

Prov. di BO»

Prov. di FC»

Prov. di FE»

Prov. di MO»

Prov. di PC»

Prov. di PR»

Prov. di RA»

Prov. di RN»

Friuli Venezia Giulia»

Lazio»

Liguria»

Lombardia»

Prov. di BG»

Prov. di BS»

Prov. di CO»

Prov. di CR»

Prov. di LC»

Prov. di LO»

Prov. di MI»

Prov. di MN»

Prov. di PV»

  1. Albuzzano»
  2. Arena Po»
  3. Badia Pavese»
  4. Barbianello»
  5. Battuda»
  6. Belgioioso»
  7. Bereguardo»
  8. Borgarello»
  9. Borgo Priolo»
  10. Borgoratto Mormorolo»
  11. Bosnasco»
  12. Brallo di Pregola»
  13. Bressana Bottarone»
  14. Broni»
  15. Calvignano»
  16. Canevino»
  17. Canneto Pavese»
  18. Carbonara al Ticino»
  19. Casei Gerola»
  20. Casteggio»
  21. Ceretto Lomellina»
  22. Certosa di Pavia»
  23. Cervesina»
  24. Chignolo Po»
  25. Cigognola»
  26. Corvino San Quirico»
  27. Cozzo»
  28. Dorno»
  29. Ferrera Erbognone»
  30. Fortunago»
  31. Gambolo'»
  32. Garlasco»
  33. Godiasco»
  34. Inverno e Monteleone»
  35. Linarolo»
  36. Menconico»
  37. Mezzana Bigli»
  38. Montalto Pavese»
  39. Montecalvo Versiggia»
  40. Montescano»
  41. Montu' Beccaria»
  42. Mornico Losana»
  43. Mortara»
  44. Pavia»
  45. Pietra de'Giorgi»
  46. Ponte Nizza»
  47. Portalbera»
  48. Rea»
  49. Rivanazzano»
  50. Robbio»
  51. Rocca Susella»
  52. Ruino»
  53. San Damiano al Colle»
  54. San Genesio ed Uniti»
  55. San Giorgio di Lomellina»
  56. San Martino Siccomario»
  57. Santa Cristina e Bissone»
  58. Santa Giulietta»
  59. Santa Maria della Versa»
  60. Sartirana Lomellina»
  61. Scaldasole»
  62. Sommo»
  63. Spessa»
  64. Stradella»
  65. Torre Beretti e Castellaro»
  66. Torre d'Isola»
  67. Travaco' Siccomario»
  68. Varzi»
  69. Vidigulfo»
  70. Vigevano»
  71. Voghera»
  72. Zeccone»
  73. Zerbolo'»
  74. Zinasco»

Prov. di SO»

Prov. di VA»

Marche»

Molise»

Piemonte»

Prov. di AL»

Prov. di AT»

Prov. di BI»

Prov. di CN»

Prov. di NO»

Prov. di TO»

Prov. di VB»

Prov. di VC»

Puglia»

Sardegna»

Sicilia»

Toscana»

Prov. di AR»

Prov. di FI»

Prov. di GR»

Prov. di LI»

Prov. di LU»

Prov. di MS»

Prov. di PI»

Prov. di PO»

Prov. di PT»

Prov. di SI»

Trentino Alto Adige»

Umbria»

Valle d'Aosta»

Veneto»

Prov. di BL»

Prov. di PD»

Prov. di RO»

Prov. di TV»

Prov. di VE»

Prov. di VI»

Prov. di VR»